Non è semplicemente l’Isola dei Canguri.

Un paio di sere fa sono uscita a cena con una mia amica che non vedevo da diversi mesi. Abbiamo bevuto, mangiato e parlato – e spettegolato – tanto e di tutto, per ore, come è normale quando metti insieme due amiche che si vedono poco, ma si conoscono da oltre vent’anni, e sono diverse e speculari allo stesso tempo, come uno specchio con il suo riflesso.

Per una buona parte della serata si è parlato di viaggi – e come ti sbagli – e, in particolare, d’Australia.

Lei sogna di andarci. Io ci sono stata qualche mese fa.

Abbiamo parlato del bello e del brutto. Lei era avida di sapere, io avevo una voglia matta di raccontare, fino a quando non mi ha messo in difficoltà con una domanda: “Qual è il posto più bello in cui sei stata?”

Non ho saputo rispondere. Dopo aver ripercorso con le parole e i ricordi ogni tappa del mio lungo – e al tempo stesso, brevissimo – viaggio in Australia, era arrivato il momento di assegnare la fascia da vincitore ed io ero in imbarazzo. Tra tanta bellezza e diversità non si può scegliere, non c’è uno che vince su tutti.  Piuttosto chiedetemi cosa non mi è piaciuto, ho già la risposta pronta.

Il mio podio imaginario non è sfalsato in tre gradini, ma è una pedana lunga  sulla quale salirebbero la Great Ocean Road con le sue scogliere, il Kakadu National Park con le sue cascate, Cairns con la sua lunga esplanade affacciata sull’oceano, Fitzroy Island che incarna l’idea di isola tropicale con le palme da cocco sulla spiaggia bianca, Sydney con i suoi edifici moderni, l’Outback con i suoi paesaggi sconfinati, Melbourne con la sua vita notturna, Kangaroo Island con tutto quello che sto per raccontarvi.


Quest’isola è l’Australia che immaginavo: strade infinite, spesso sterrate, che si srotolano tra file di alberi della gomma; il cielo turchese da guardare negli spazi vuoti lasciati dalle fronde degli alberi mentre si è in movimento su quelle stesse strade; mare agitato, forte ed immenso; fattorie e spazi verdi infiniti. Abbiamo avvistato pochissimi koala, è vero, ma canguri e wallaby ovunque e tanti altri animali che non ti aspetti di trovare la.

Kangaroo Island si presenta all’approdo con Penneshaw, un minuscolo villaggio di pescatori popolato da appena 270 anime, dove la cena viene servita dalle 5.30 del pomeriggio, di sera la spiaggetta vicino al molo offre un rifugio ad una colonia di pinguini e tutto sembra essersi fermato a mezzo secolo fa. Il tempo scorre lento, di quella lentezza tipica dei paesini così piccoli ed isolati che diventano loro stessi un microcosmo a sé stante; i rumori sono lontani mentre i suoni della Natura sono prepotenti, amplificati all’ennesima potenza.


Immaginate di essere appena andati via da casa di Paul e di arrivare davanti ad una spiaggia di scogli, dopo aver salutato un grosso canguro che vi guarda con diffidenza mentre scendete dalla macchina, ma non così tanta da smettere di mangiare placidamente la sua erba: è l’ora del tramonto e la piccola baia, raccolta tra verdi colline che scendono dolcemente verso il mare e una parete rocciosa così alta da non riuscire a vedere cosa si cela dall’altra parte, è inondata dalla luce del sole, che, lentamente, si sta facendo inghiottire dal mare.

kangarooo island_canguro kangaroo-island-31

 “Bella” vi vien da pensare, fino a quando l’occhio non vi cade su un cartello con la scritta “Beach”, puntato proprio verso la parete rocciosa e la curiosità è troppa, perché da quell’angolazione non si vede altro che rocce. Ma avvicinandovi, scoprirete che, tra gli enormi massi appoggiati l’uno l’altro in un Tetris pronto a sbarrarvi il passaggio, in realtà si apre una stradina che quelle rocce le costeggia e le attraversa: alla fine del tunnel, all’improvviso ecco un’altra baia – ancora più ampia, ancora più bella – dove la luce dorata del sole riflette sulle acque basse e limpide, per poi allungarsi sulla sabbia bianca in un gioco di riflessi e di ombre.

kangaroo-island-5 kangaroo-island-4

C’è silenzio, non c’è nessun altro; rimanete incantati e vi illudete per un secondo di aver scoperto un segreto. Dopo qualche minuto, mentre siete seduti sulla sabbia umida a guardare il mare, vi rendete conto che, invece, c’è qualcun altro. Fate fatica a mettere a fuoco, si muove troppo velocemente, si allontana, ma poi ecco che si avvicina sempre di più: è un’otaria che gioca tra le onde e con le onde, le cavalca e si lascia trasportare. E’ lì, a pochi metri da voi, la guardate ma lei nemmeno vi vede: si sta divertendo, sembra quasi sorridere. Lei è felice, siete felice anche voi.

kangaroo-island-3

Avete appena scoperto Stokes Bay.


Un faro di mattoncini color sabbia, con il ricordo dell’ennesimo naufragio, segna l’inizio di una lunga passerella, che si snoda e degrada verso il mare e sembra diventare un ponte tra la terraferma ad un isolotto piatto e verde poco distante dalla costa.

kanagroo-island-6

Pochi ingredienti e gli occhi sarebbero già sazi, ma qualcosa vi dice di proseguire sempre più giù ed è li, alla fine di tutti quegli scalini di legno, nell’odore pungente e poco gradevole che impregna l’aria, che scoprite lo spettacolo vero del posto: un enorme arco di pietra nera – sulla quale la luce riflette come  su uno specchio – accoglie e ripara dal vento decine di otarie assopite, sdraiate in anfratti scavati dal vento e dal mare che pare assurdo essere riuscite a raggiungere, loro che fuori dall’acqua sembrano così morbide e goffe.

kangaroo-island-8 kangaroo-island-71 kangaroo-island-51

Avete appena visto Admirals Arch.


Enormi macigni di granito color rame, levigati da 500 milioni di anni di erosioni che li hanno resi tondeggianti e li hanno lasciati li, appoggiati su un grande plateau scosceso, sembrano stiano per rotolare giù, sotto la spinta del vento, un vento che ti entra persino nelle tasche dandoti l’illusione di poter spiccare il volo da un momento all’altro.

  kangaroo-island-10 kangaroo-island-9 kangaroo-island-6

C’è parecchia gente intorno, anche se siamo fuori stagione, ma sia le Remarkable Rocks che l’Admirals Arch sono i must-see di questo angolo a sud del sud del mondo ed infatti siamo tutti li, voi ed io; non siamo tantissimi, ma siamo comunque troppi per ritagliarci ognuno uno spazio sufficiente per fare foto decenti.

kangaroo-island-11

E allora non rimane altro che sedersi, anzi sdraiarsi, nonostante il vento, e guardare il mare e le rocce, niente più, e lasciare che la mente si ripeta ancora una volta che in Australia è la Natura che vince su tutto.

[su_button url=”http://senzazuccherotravel.com/kangaroo-island-il-video/” background=”#2ebbcb” size=”6″ icon=”icon: video-camera”]Vuoi vedere il video?[/su_button]

Francesca

Francesca

Amante del caffè in tutte le sue forme, l'importante è che sia rigorosamente senza zucchero. Expat seriale. Innamorata del mondo in ogni sua sfumatura e latitudine, ha perso il cuore in Africa, ma finisce col cercarlo sempre in altri posti. Ne parla poco, ma ha un debole per Londra e il Medioriente.

RELATED ARTICLES

Organizzare un viaggio in Oman: le domande più frequenti

Organizzare un viaggio in Oman: le domande più frequenti

Il viaggio di cui ho scritto che incuriosisce maggiormente i lettori di questo blog è senza dubbio quello in Oman.

READ MORE
In Pictures: cartoline da Sur

16 thoughts on “Non è semplicemente l’Isola dei Canguri.

  1. Me lo leggo prima di andare a dormire, così mi lascio coccolare da quella malinconia bella, che ti lascia il sorriso. Mi dispiace tanto di non esserci stata ma ho cercato di immaginarla attraverso le tue parole. E hai ragione: “in Australia è la Natura che vince su tutto”. Ed è difficile da spiegare come questa Natura possa cambiarti e renderti più consapevole. Grazie Fra, buona notte 🙂

    1. Grazie Roberta, questo è un complimento che mi lusinga: ho sempre la sensazione di non riuscire a descrivere adeguatamente la bellezza di certi momenti.
      Un abbraccio a te e una carezza a Frodo,
      Francesca

  2. Con questo articolo hai nutrito (in)volontariamente il mio sogno segreto e lontano di andarci…un giorno. Grazie del breve viaggio virtuale.

    1. Grazie a te per aver condiviso il tuo sogno 🙂 Anche per me l’Australia lo è stata a lungo e – tornarci – continua ad esserlo.
      Spero per te che quel giorno non sia tanto lontano!

  3. Spettacolo Kangaroo Island e spettacolari anche le tue fotografie 🙂 io ci sono stata tre anni fa, con mia figlia di neppure 4 anni e tutta quella natura e questi animali a due passi da noi non credo li dimenticherà facilmente neppure lei. Anzi mi hai fatto ricordare che in due anni di blog non ne ho ancora parlato…ehm…come di tante altre mete. Ma prima o poi rimedio alla grande. Bel post, davvero 🙂

    1. Monica, credo che tua figlia non se lo scorderà mai un posto così. Ne sono sicura. Non le potevi fare regalo più bello!
      E sarei molto curiosa di riviverlo anche attraverso i tuoi occhi.. io ci ho lasciato davvero un pezzo di cuore.

  4. È emozionante (ri)leggere questo tuo post mentre sono qui… oggi ho avuto solo un assaggio di questa isoletta; domani mi attende una giornata piena! In quanto alla natura hai ragione: l Australia mi sta facendo vivere emozioni – a livello paesaggistico e faunistico – che ho provato solo in Sudafrica e credevo difficili da replicare!

    1. Una bella “lotta” tra Africa e Australia: diverse ma ugualmente belle in modo esagerato. Goditi l’isola anche per me, ogni singola strada, la costa, gli animali.. adesso sono io che mi emoziono!


Dimmi la tua!