Dal Victoria al South Australia, sfogliando un album di ricordi

E’ stato per noi l’ultimo tratto di costa del sud prima di volare verso il deserto. Due giorni di viaggio per scoprire ed attraversare l’Australia dallo Stato del Victoria a quello del South Australia; da Port Fairy fino a Victor Harbor, passando per Robe e il Coorong National Park.

Scorro le foto e si riaccendono i ricordi, e con essi, la nostalgia. Di tutti quei chilometri fatti, nella memoria rimane un fotogramma senza fine che scorre oltre il vetro del mio finestrino: il verde dei pascoli senza confini e un cielo turchese che nemmeno a dipingerlo sarebbe stato così intenso.

Tornano a galla anche i ricordi di momenti speciali. Di incontri attesi, disattesi ed altri inaspettati. Di una sensazione di equilibrio talmente forte da darmi la consapevolezza che, in quel momento, ero solo uno spettatore e che la Natura, in quel suo equilibrio perfetto, potrebbe fare a meno di noi.

Scorro le foto e sorrido al ricordo della prima volta in cui ho visto un Emù. Camminava dondolante a bordo strada nel tentativo di attraversare per raggiungere il suo compagno. Ci fermammo per lasciarlo passare, ma niente: aveva troppa paura e ci restituì la cortesia.

South Australia 1

Ricordo nuvole rosa di decine di Galah che planavano e poi invadevano la strada, mentre ci eravamo fermati a fotografare un vitello. Anzi no, volevamo fotografare loro, ma nel frattempo arrivò un’altra macchina e volarono via. Riuscii a scattare solo una foto. Ma anche il vitello ne meritava una. No?

South Australia 8

South Australia 12

Nelle stesso fotogramma apparivano di tanto in tanto case di legno dalle tinte pastello che svettavano in cima ad una collina, con le finestre talmente grandi sui lati opposti che riuscivo a guardare attraverso e vedere il mare dall’altra parte. Un mare forte quello del sud dell’Australia, sempre agitato e tormentato dal vento.

South Australia 4

south australia

Ricordo le risate nel vedere la linea verde del navigatore che ci guidava lungo una stradina in discesa e andava a finire in una grande chiazza blu. Io e Mister ci guardammo perplessi ma confortati dalla presenza di altri veicoli davanti a noi e, pochi metri più in là, capimmo che l’unico modo per attraversa il fiume Murray era salire su una chiatta ed essere trasportati con tutta la macchina fino all’altra sponda.

Avevamo guidato per diversi chilometri in strade sterrate lungo laghi dalle acque simili al cemento liquido, che diventavano un tutt’uno con la coltre di nuvole sopra di loro, e paludi  salmastre divise dal mare da altissime dune di sabbia d’orata. Ci eravamo lasciati alle spalle il nostro primo incontro con un wombat, inerme su quella strada sterrata dove un’auto l’aveva strappato alla vita, mentre tanta altra vita ferveva tutt’attorno, nascosta tra la sterpaglia e leggera come il battito d’ali di uno stormo di uccelli che si alza in volo.

Dopo l’attraversamento del Murray, tutto questo aveva lasciato il posto alla distesa sconfinata dei filari d’uva della Fleurieu Peninsula.

South Australia 7

South Australia 6

South Australia 3

south Australia 5

south australia 2

Victor Harbor è stata l’ultima tappa prima di imbarcarci per Kangaroo Island, e il mio ricordo di quel giorno è legato soprattutto a Granite Island, un isolotto al di là del Causeway, il pontile di legno lungo 630 metri che lo collega alla terraferma.

Granite Island un tempo era collegata naturalmente al continente: ha resistito alla forza erosiva del mare e delle piogge che hanno progressivamente spazzato via gli strati di terra sovrastante e circostante, riportando alla luce le enormi rocce granitiche formatesi circa 480 milioni di anni fa; secondo la leggenda aborigena, invece, l’isola è stata creata dall’eroe celeste Ngurunderi, scagliando una lancia in mezzo al mare.

Sout Australia 13

South Australia 9

South Australia 14

Tra i massi di quest’isola c’è stata l’ennesima delusione per l’incontro disatteso con le balene, che per tutto il nostro viaggio in Australia si negheranno ai nostri occhi. C’è stata la sorpresa nello scorgere due occhioni neri che ci guardavano dal basso nell’attesa che mamma-otaria tornasse con qualcosa di buono da mangiare e la nostra di attesa al tramonto per vedere i pinguini, in silenzio e in disparte per non sbarrargli la strada e confonderli.

South Australia 10

Ricordo che si fece del tutto buio ed iniziò a fare freddo, era un’ora che aspettavamo, ma non potevamo andare via. Eravamo quasi certi che sarebbero arrivati: il pescatore ce l’aveva garantito. Ed  infatti, dopo qualche minuto ancora, ecco il primo risalire dal mare, muoversi tra gli scogli così alti che sembrava impossibile riuscisse a superali, ed invece su, con un balzo deciso, sulla strada e poi via veloce per sparire tra gli arbusti. E subito dopo ne arrivò un altro. E un altro ancora.

South Australia 11

Tips

Ci sono due strade che attraversano il Coorong National Park, la Prices Highway e la Coorong Scenic Drive. Il mio consiglio è quello di percorrere la seconda (riportata sui cartelli con Seven Mile Road) perché dalla prima non si riesce a vedere quasi nulla del parco. La Coorong Scenic Drive non è asfaltata, ma è battuta molto bene, quindi, percorribile anche con una berlina. L’ingresso al parco è completamente gratuito: sposandosi lungo la costa, si è praticamente “costretti” ad attraversalo.

Anchorage Restaurant a Victor Harbor è un ristorante la cui struttura ingloba una vecchia baleniera e che offre un’ampia scelta di piatti a base di pesce e cucina australiana. Non è economicissimo, ma se ci si vuole concedere un piccolo lusso, in un’atmosfera elegante – ma non troppo – ed accogliente, e mangiare molto bene, questo posto, secondo me, è perfetto. Il week end la cucina chiude alle 9 p.m. Gli altri giorni prima, ovviamente. Ma questi, del resto, sono gli orari australiani lontano dalle grandi città.

Francesca

Francesca

Amante del caffè in tutte le sue forme, l'importante è che sia rigorosamente senza zucchero. Expat seriale. Innamorata del mondo in ogni sua sfumatura e latitudine, ha perso il cuore in Africa, ma finisce col cercarlo sempre in altri posti. Ne parla poco, ma ha un debole per Londra e il Medioriente.

RELATED ARTICLES

Organizzare un viaggio in Oman: le domande più frequenti

Organizzare un viaggio in Oman: le domande più frequenti

Il viaggio di cui ho scritto che incuriosisce maggiormente i lettori di questo blog è senza dubbio quello in Oman.

READ MORE
In Pictures: cartoline da Sur

In Pictures: cartoline da Sur

Share Tweet Share Pin Email

READ MORE

2 thoughts on “Dal Victoria al South Australia, sfogliando un album di ricordi


Dimmi la tua!