Ginevra: i miei luoghi preferiti raccontati attraverso Instagram

Un grande lago scenografico, punti panoramici sulla città, edifici storici e stradine acciottolate, l’atmosfera vintage di alcuni scorci e l’impronta moderna di altri rendono Ginevra una città eclettica e particolarmente fotogenica, ricca di spunti interessanti capaci di ispirare chiunque sia appassionato almeno un po’ di fotografia.

Dopo tre anni che vivo qui, mi capita tuttora e anche abbastanza spesso di fermarmi a fotografare i miei angoli preferiti con la stessa curiosità di un turista o cercare tra Instagram luoghi da scoprire, nuovi anche solo nella prospettiva.

.

Bel-Air

Guardando tra le foto che ho scattato a Ginevra da quando sono arrivata c’è un luogo che ricorre più di tutti: Bel-Air, un’area che dalla fondazione della città ha sempre rappresentato una via di accesso, un avamposto di vitale importanza.

Là, dove nel 58 a.c. passò Giulio Cesare, si consumarono battaglie contro gli Elvetici e i Savoia, nel XVII secolo aveva luogo il mercato della carne e sorgevano mulini e fortezze, oggi una serie di ponti pedonali in metallo collegano le due isole che si trovano al centro del Rodano, Place de l’Ile e île Rousseau, alla rive gauche e alla rive droite, un gioco di passerelle e di riflessi nell’acqua che mi catturano ogni volta.

Genève in blue.

A post shared by Francesca.. ☕️ ~SenzaZucchero~ (@senza_zucchero) on

Rousseau e il tramonto

A post shared by Francesca.. ☕️ ~SenzaZucchero~ (@senza_zucchero) on

.

I parchi

Ginevra è una città verde: il 20% del territorio è costituito da parchi e possiamo affermare tranquillamente che ogni singolo quartiere ne ha almeno uno. Alcuni dei parchi di Ginevra sono delle vere e proprie opere d’arte botanica e, nelle loro differenze e particolarità, si fa davvero fatica a preferirne uno agli altri.

Però, il Parco di Eaux-Vives, per me, è quello dall’impatto più forte: sarà forse perché, essendo uno dei più antichi, al suo interno, tra ruscelletti e ponticelli di legno, trovano posto alcuni alberi secolari ed uno storico maniero del XVIII secolo che domina elegantemente la scena.

Blue sky needs no filter

A post shared by Francesca.. ☕️ ~SenzaZucchero~ (@senza_zucchero) on

Genève | it's all so quite

A post shared by Francesca.. ☕️ ~SenzaZucchero~ (@senza_zucchero) on

 

.

Broken Chair

Dall’alto dei suoi 12 metri, la Broken Chair spicca al centro di Place des Nations dall’agosto del 1997 ed è divenuta presto uno dei pezzi d’arte più iconici del XXI secolo.

La scultura di Daniel Berset ha lo scopo di ricordare costantemente alle Nazioni Unite, la cui sede generale europea si trova al di la della strada, l’importanza della lotta alle mine anti uomo.

Questo è il luogo dove si respira tutta l’internazionalità di Ginevra, la centralità del ruolo che ricopre sulla scena internazionale ma anche una divertentissima area di svago per i più piccoli che, in barba all’ufficialità del contesto, d’estate si divertono a rincorrere le fontane danzanti.

Genève | City cooler

A post shared by Francesca.. ☕️ ~SenzaZucchero~ (@senza_zucchero) on

Genève | the broken chair

A post shared by Francesca.. ☕️ ~SenzaZucchero~ (@senza_zucchero) on

.

Vieille Ville

Il centro storico di Ginevra è un bel labirinto di stradine pittoresche e piazze attorniate da edifici storici, piccoli cafè e una miriade di gallerie d’arte. Il cuore della città vecchia è indubbiamente Bourg-de-Four, una graziosa piazzetta dove un tempo si teneva il mercato del bestiame, periodo in cui, in realtà, si trovava all’esterno delle mura cittadine, mentre oggi rappresenta uno degli angoli più piacevoli dove bere qualcosa all’aperto, in tutte le stagioni.

This morning I loved you, Geneva.. 🎈

A post shared by Francesca.. ☕️ ~SenzaZucchero~ (@senza_zucchero) on

Geneva | red is the color

A post shared by Francesca.. ☕️ ~SenzaZucchero~ (@senza_zucchero) on

Bonjour Genève, nice to see you again.

A post shared by Francesca.. ☕️ ~SenzaZucchero~ (@senza_zucchero) on

.

Junction

Junction è il punto di congiungimento tra i due grandi fiumi che bagnano Ginevra, l’Arve e il Rodano.

L’incontro di questi due corsi d’acqua produce un effetto cromatico davvero particolare: le acque cristalline del Rodano sembrano semplicemente accostarsi magicamente a quelle dense e corpose dell’Arve, continuando nel loro lungo viaggio verso il Mediterraneo senza contaminarsi.

Questo è un posto che adoro, nel quale mi rifugio ogni volta che ho bisogno di staccare la spina e che mi vede tornare praticamente quasi tutte le domeniche mattina, per una rilassante camminata tra street art e natura.

Francesca

Francesca

Amante del caffè in tutte le sue forme, l'importante è che sia rigorosamente senza zucchero. Expat seriale. Innamorata del mondo in ogni sua sfumatura e latitudine, ha perso il cuore in Africa, ma finisce col cercarlo sempre in altri posti. Ne parla poco, ma ha un debole per Londra e il Medioriente.

RELATED ARTICLES

Roma: lungo i passi della [mia] Dolce Vita
Europa in technicolor: le città più colorate dei miei viaggi

Europa in technicolor: le città più colorate dei miei viaggi

Tortuose stradine acciottolate, grandi viali alberati, edifici storici, residenze nobiliari, monumenti che celebran

READ MORE

5 thoughts on “Ginevra: i miei luoghi preferiti raccontati attraverso Instagram


Dimmi la tua!