Whale watching in Islanda: Húsavík o Hauganes?

Siamo partiti per l’Islanda con pochi punti fermi nella testa e uno di questi era partecipare ad un whale watching.

Alla fine delle due settimane di viaggio ne avevamo fatti due: ad Húsavík, la capitale indiscussa di questo tipo di escursioni, e ad Hauganes, nel fiordo di Eyjafjörður, poco distante da Akureyri.

Húsavík è poco più grande di un villaggio e vive principalmente di pesca e turismo. Gli operatori presenti sono diversi e noi abbiamo scelto la North Sailing senza un motivo in particolare, visto che i servizi e i prezzi sono molto simili tra loro.

L’aspetto che distingue la North Sailing è la possibilità di uscire in mare con un bellissimo veliero restaurato – reso un po’ meno poetico dall’uso del motore, per ovvie ragioni.

Islanda_pulcinella

Abbiamo partecipato all’uscita delle 9.30 di mattina e quel giorno le condizioni del mare erano abbastanza buone – in caso contrario l’escursione viene annullata – ma la struttura dell’imbarcazione fa in modo che la stessa oscilli in maniera sensibile ad ogni onda: riuscire a rimanere in piedi diventava sempre più difficile, così come scattare fotografie, e dopo mezz’ora aver lasciato il porto, la maggior parte degli ospiti a bordo ha iniziato ad offrire la colazione ai pesci, fino a fine escursione.

Durante le tre ore di navigazione abbiamo avvistato ben poche balene: gli incontri non sono garantiti ovviamente – alla Natura non si comanda – e avvicinarle è molto impegnativo, considerata la vastità dell’area in cui si muovono e il numero di barche presenti.

Il ricordo più bello di quella giornata è stato vedere un gruppo di delfini saltare durante una battuta di caccia: una danza che per me non era uno spettacolo inedito, ma che continua ad emozionarmi ogni volta.

whale watching Islanda

.

Perché un secondo whale watching in Islanda?

Avevamo passato la notte ad Akureyri e non avevamo dei piani ben precisi per la giornata, anche se il veder brillare gli occhi di Mister davanti ad ogni barca con la scritta whale watching era un indizio più che chiaro del fatto che avrebbe svoltato alla prima indicazione utile.

“Vado solo a chiedere un’informazione” mi ha detto. 10 minuti dopo eravamo con il tutone termico addosso, pronti per partire.

L’essere stato male tutto il tempo la volta precedente non l’aveva scoraggiato e l’idea di lasciare l’Islanda senza aver visto una balena saltare per lui era inaccettabile.

Torneremo a casa senza aver potuto scattare ancora una volta la foto del salto, ma siamo scesi da quella barca comunque super felici.

L’escursione con Whale Watching Hauganes ha luogo all’interno del Eyjafjörður, una stretta gola sempre a nord del Paese circondata da montagne innevate, a bordo del peschereccio Níels Jónsson.

“Due voci possenti ha il mondo: la voce del mare e la voce della montagna.”

William Wordsworth

L’imbarcazione si muove molto vicino alla costa in un’area relativamente piccola, dove il mare è solitamente molto calmo e soprattutto pienissimo di balene: è stato un susseguirsi di potenti sbuffi d’aria e d’acqua coi colori dell’arcobaleno che annunciavano il lento apparire di corpi sinuosi, neri e lucidissimi, che poi scomparivano di nuovo sotto al pelo dell’acqua.

Dopo mezz’ora avevo perso il conto di quante ne avevamo viste. Ne eravamo circondati senza dover solcare controcorrente e a tutta velocità le onde del mare nel tentativo di scorgere in lontananza una codina per pochi secondi, fino a quando non ci siamo ritrovati talmente vicini ad una di esse da riuscire a distinguerne i diversi colori e i tratti del volto.

whale watching Islanda

whale watching Islanda

whale watching in Islanda

In quel momento l’esaltazione è salita alle stelle: stavo riprendendo, ma come succede sempre in questi casi i miei occhi hanno preferito guardare la realtà senza il filtro della fotocamera. Addio belle riprese, ma in compenso ho un ricordo indelebile, vivido e reale di quell’attimo stampato nella mia mente.

.

Whale watching in Islanda: quindi meglio Húsavík o Hauganes?

Dipende dalle aspettative.

Nel periodo estivo, ad Húsavík è possibile abbinare il whale watching ad escursioni più complete di una giornata, con sosta a Lundey, dimora di una foltissima colonia di pulcinelle di mare,  o più giorni – dormendo a bordo o a terra – fino a raggiungere Grímsey, l’unico territorio islandese a trovarsi oltre il Circolo Polare Artico.

Se invece si è interessati esclusivamente al whale watching, allora Hauganes: più economico, uno scenario meraviglioso, un equipaggio – capitano e aiutante – che trasmettono ad ogni avvistamento un entusiasmo pari alla prima volta.

 

Tips

Pulcinella di mare

Per vedere le pulcinella di mare, è  meglio programmare il viaggio in modo da essere nel nord dell’isola al massimo entro la prima settimana di agosto, altrimenti avranno già lasciato l’Islanda.

Abbigliamento

Tutti gli operatori forniscono una tuta termica che protegge da acqua e vento e mantiene molto caldi. Consiglio di indossare sotto dell’abbigliamento tecnico  da montagna comodo, senza abbondare con gli strati, evitando di mettere la giacca in favore di una maglia di pile.

Meglio prenotare in anticipo?

Per il solo whale watching, considerato il numero di uscite giornaliere effettuate durante l’alta stagione, non è necessario, a meno che non si voglia essere sicuri di trovare posto in un determinato orario: in tal caso, gli operatori effettuano una sorta di iscrizione anticipata con pagamento da effettuarsi ad escursione confermata, in base alle condizioni climatiche, mezz’ora prima di salpare.

Top photo

A bordo della Níels Jónsson si riesce a muoversi agevolmente, ma la postazione migliore è a prua sul lato del capitano – che, se ricordo bene, è a destra – il quale tenderà a fermare la barca in osservazione delle balene a suo favore. Quindi ritagliatevi un postino da quelle parti e non muovetevi più.

Francesca

Francesca

Amante del caffè in tutte le sue forme, l'importante è che sia rigorosamente senza zucchero. Expat seriale. Innamorata del mondo in ogni sua sfumatura e latitudine, ha perso il cuore in Africa, ma finisce col cercarlo sempre in altri posti. Ne parla poco, ma ha un debole per Londra e il Medioriente.

RELATED ARTICLES

Roma: lungo i passi della [mia] Dolce Vita
Ecco la verità, signori, sui pulcinella di mare

11 thoughts on “Whale watching in Islanda: Húsavík o Hauganes?

    1. Se avessi postato una mia foto con la tuta o una di mio marito alla fine della prima escursione (lui era tra quelli che ha passato la maggior parte del tempo con la mano sulla fronte) ti saresti fatta grosse risate, ma è meglio mantenere un minimo di poesia di questa bella esperienza! 😉

    1. Ciao Elisa! Guardandola bene sì, sembra esserci una faccia.. in Islanda non c’è esercito quindi nemmeno basi militari – l’ultima americana è stata smantellata ormai da qualche anno – ma ora sono curiosa di sapere perché.. 🙂

  1. Anche per me husavik è stato deludente, e c’ero stata in pieno agosto 🙁
    Purtroppo è questione di fortuna… Terrò a mente Hauganes per la prossima volta, non lo conoscevo!

    1. Neanche noi la conoscevamo e, anche in questo caso, la fortuna e il caso hanno giocato il loro ruolo.. però ho la sensazione che a Hauganes si è un po’ più fortunati 😉

  2. Oddio..ho un attimo di “mancamento”..hai davvero visto una balena a quella distanza? arcuarsi ed immergersi così? davvero..davvero? ho gli occhi a cuoricino! Io ho già prenotato per l’Islanda ad agosto..non vedo l’ora

    1. Ciao! Eh sì, davvero 🙂 era talmente vicina che si distinguevano benissimo i tratti del viso.
      Fantastico, te ne vai in Islanda! Allora tranquilla che la vedrai anche tu!


Dimmi la tua!