In Pictures: Marafa, la leggenda della cucina del diavolo

Un tempo, vicino al canyon di Marafa, viveva una famiglia molto ricca, proprietaria di un grande allevamento di mucche che era solita usare il latte – un bene prezioso in Kenya – per lavarsi e fare il bucato, anziché cibarsi.

Un giorno Dio, adirato da tale spreco, punì la famiglia scatenando un’immensa alluvione e facendo sprofondare l’intera famiglia in questa gola, lasciando traccia del latte e del sangue nel colore delle sue rocce.

Us walking up the Canyon of Marafa

Marafa Canyon

Mafara for Lonely Planet

the colour of stones in Marafa

Overlooking Marafa

Questa è la Cucina del Diavolo, un piccolo canyon racchiuso dal verde della vegetazione circostante, dove la temperatura può raggiungere i 50 gradi nelle ore più calde, il cui colore varia durante il giorno in base all’inclinazione dei raggi solari dal rosa cipria, al sabbia al rosso fuoco.

Nyari, il posto che si rompe da solo, è il frutto di secoli di erosioni di vento e pioggia su uno strato friabile di roccia arenaria, che hanno modellato, come il lavoro sapiente di un artigiano, le formazioni rocciose alte fino a 30 metri, in un mosaico di guglie e creste, di terra rossa, giallo ocra e bianco gesso, che si scagliano contro il turchese del cielo africano.

Il sito è gestito come impresa turistica locale, rappresentando la prima fonte di sostentamento per il vicino villaggio di Marafa e conta all’incirca 30.000 visite l’anno: le guide sono infatti alcuni abitanti del villaggio stesso.

Alla fine dell’escursione nelle gole del canyon, vi verrà chiesto se volete comprare un kit scolastico (penne, matite, quaderni) per i bambini di Marafa – alla cifra di 10 euro – che troverete proprio li ad aspettarvi.

Francesca

Francesca

Amante del caffè in tutte le sue forme, l'importante è che sia rigorosamente senza zucchero. Expat seriale. Innamorata del mondo in ogni sua sfumatura e latitudine, ha perso il cuore in Africa, ma finisce col cercarlo sempre in altri posti. Ne parla poco, ma ha un debole per Londra e il Medioriente.

RELATED ARTICLES

Sabi Sands: due giorni di leopardi ed emozioni forti
Muizenberg, storia di una fenice

Muizenberg, storia di una fenice

Sognavo di vedere dal vivo la spiaggia di Muizenberg da quando ho visto la prima foto delle cabine colorate allinea

READ MORE

14 thoughts on “In Pictures: Marafa, la leggenda della cucina del diavolo

    1. In effetti leggevo che non è un posto molto visitato, anche se 30.000 visite l’anno possono sembrare tante. Sicuramente è d’impatto, sia la vista dall’alto che dal basso, dove ci sono dei camminamenti stretti sui quali bisogna passare per risalire, che mettono a dura prova il coraggio di chi soffre di vertigini con me..

    1. e soprattutto che non conosce le vie di mezzo!
      Di solito chi va in Kenya si concentra sul mare e sul safari, ma ci sono valide alternative da una sola giornata, come Marafa, appunto.. 🙂


Dimmi la tua!